FILMSAZIONE/AVVENTURA  

NOA NOA

Disponibili per:

Televisione, TV Cavo, TV Satellite e Home Video

Distribuiti da: 

Starlight s.r.l.  Via Bissolati 22, 20125 Milano Italy 

 Tel (+39) 02 6071236 Fax (+39) 02 60730028

Web site www.starlight.it email info@starlight.it

_______________________________________________________________________

NOA NOA

 

Regia : Mario Costa

Attori : Chelo Alonso, Rick Battaglia, Liana Orfei, Gérard Landry, Luisella Bomi

Versioni : Italiano, Inglese, Tedesco, Neutral Spagnolo, M&E COLORE

Durata : 77 minuti

Anno di produzione : 1959

    

 

   L’odissea degli ammutinati del Bounty, diventata leggenda per le letteratura, il cinema, la storia del mare, si concluse in apparenza il 12 Gennaio 1790, quando il vascello inglese getta l’ancora nei fondali dell’isola  sperduta, a sud del tropico del Capricorno. Gli ammutinati l’avevano cercata per mesi, dal giorno in cui esplose la rivolta sul Bounty che veleggiava per le Antille.   pescose e con l’interno solcato da torrenti d’acqua dolce e fresca. Era L’Eden che avrebbe addolcito un esilio inevitabile. Quel giorno sbarcarono sulle abbaglianti spiagge corallifere, nove giovani marinai inglesi e ventisei polinesiani. Dieci uomini e sedici donne. E’ a questo punto che comincia la vostra storia. La storia di nove giovani marinai inglesi ammutinati che vogliano sfuggire alla forca, a cui si sono uniti ventisei giovani polinesiani, uomini e donne. Il mare meraviglioso, la natura splendida e amica, il clima dolcissimo, la bellezza e la giovinezza di tutti, la mancanza di rivalità e di intesse: tutte le condizioni per un nuovo paradiso terrestre. In pochi mesi, dal giorno dello sbarco, il paradiso terrestre si trasformò in un inferno. E la rivolta di tutti gli indigeni uomini e donne, anche quelle incinte dagli inglesi, esplose dalla disperazione di uno stato insostenibile. Il sole del Tropici illuminò una lotta che divenne sterminio. Lo splendore dell’isola fatta per sognare fu appannata di sangue. E quando i giorni dell’ira si consumarono tutti, nessun  uomo indigeno era più vivo: soltanto alcune donne che portavano nel grembo la speranza per chi sarebbe nato. Degli inglesi ne sopravvisse uno. Cambiò il suo nome in quello di Adam: il nome del primo uomo di un mondo giusto e felice che contò gli avvenimenti accaduti nell’isola a Mayenw Folger, capitano del vascello americano Topaz approdato per caso a Pitcairn.